18 giugno - Torna Estate al Pippo

La rassegna di appuntamenti culturali “Estate al Pippo 2015”, dedicati alla cittadinanza ed ai giovani in particolare, per offrire momenti di svago e di condivisione nel periodo estivo, torna anche quest’anno nella suggestiva cornice dell’anfiteatro di Parco Petrarca sovrastante la struttura del Pippo.fcs, una location che non viene solitamente sfruttata e frequentata in orario serale.

Per questa settima edizione non cambia la mission del progetto che vuole essere eclettico ed offrire spazio alle produzioni locali, ma non solo.

Gli eventi si svolgeranno a partire dalle ore 19.00 alle 22.30, con ingresso libero, nell’anfiteatro all’aperto che sovrasta la struttura del Pippo.stage a Parco Petrarca a Bolzano. Si tratta di cinque appuntamenti che avranno luogo sempre di giovedì sera con l’idea di creare una sorta di continuità durante tutta l’estate. In caso di maltempo gli spettacoli si faranno comunque all’interno del Pippo.stage (Parco Petrarca 12, Bolzano).

La rassegna è organizzata dall’Associazione Arciragazzi di Bolzano con il contributo della Provincia Autonoma di Bolzano, Ufficio Servizio Giovani.

Si parte con la rassegna giovedì 18 giugno, con la Presentazione del libro “Lascia stare la gallina” del bolzanino Daniele Rielli che ha pubblicato con Bompiani Editore. Gli altri appuntamente varieranno l'offerta culturale, intrattenendo il pubblico non solo con la letteratura, ma anche con l'arte circense, la musica, il teatro e l'arte figurativa. 

 

Bio Daniele Rielli

Daniele Rielli (Quit the Doner) è nato nel 1982. Realizza reportage narrativi per “Il Venerdì di Repubblica”, “Internazionale” e “Riders”. Scrive storie per la televisione e il teatro. Laureato in filosofia, ha collaborato anche con “Vice” e “Linkiesta” diventando uno degli autori più noti di long-form journalism italiano. Nel 2013 ha vinto il Mia Award per il miglior articolo italiano e nel 2014 ha pubblicato con Indiana Editore Quitaly, raccolta dei suoi reportage. I suoi lavori sono riuniti su www.quitthedoner.com, uno dei siti autoriali più seguiti d’Italia.

 

“Lascia stare la gallina”

 

Salvatore Petrachi ha un solo scopo nella vita: entrare nella piccola élite che decide le sorti del Salento, la terra dove vive. Faccendiere titolare di una ditta di security, Petrachi è proprietario con Adamo Greco, amico d’infanzia ed ex contrabbandiere, di un ristorante di lusso attorno al quale ruotano numerose attività illegali. Grazie ai servigi che compie per un avvocato legato alla politica, Petrachi è sul punto di portare a compimento la sua scalata sociale quando un fatto di sangue in un campeggio di Frassanito mette lui e Greco in una posizione che minaccia tutto quello che i due hanno costruito negli anni. Il cinismo, la spietata pulsione al dominio e alla manipolazione di Petrachi lotteranno però per non morire e, anzi, volgere la situazione a proprio favore anche se questo dovesse significare compromettere le esistenze e le speranze del variegato coro di personaggi che incontra sulla sua strada. Con uno sguardo atipico nel panorama italiano, lucido, disincantato ma anche pieno di vitalità, Daniele Rielli alterna stili e registri fra loro diversissimi che vanno dal dramma a momenti di dirompente ilarità. Il risultato è un romanzo polifonico in cui la narrazione dei giochi di potere nella provincia italiana, in crisi ma ancora saldamente in mano a piccoli gruppi d’interesse, si rivela pretesto per raccontare l’indistricabile rapporto fra vita e male.